Studio Zanin - Contabilità online - Consulenza del Lavoro online - Rieti

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • 1
  • 2
Servizi contabilità online e paghe online

Contabilità

Lavoratori domestici - Colf - Adempimenti - Studio Zanin - Rieti - Consulenza Fiscale, Tributaria, Lavoro

Studio Zanin - Colf: adempimenti necessari - L'assunzione

E-mail Stampa PDF
Indice
Studio Zanin - Colf: adempimenti necessari
L'assunzione
La busta paga
I contributi
Altri adempimenti
Tutte le pagine

L'assunzione

Prima di assumere un lavoratore domestico si deve fare un'importante distinzione, legata alla nazionalità del lavoratore: se trattasi di cittadino italiano o comunitario (inclusi i cittadini di Romania, Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovenia, Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca), l'assunzione può essere fatta direttamente dal datore di lavoro che dovrà ricevere i seguenti documenti per stilare il contratto e procedere alla registrazione:

  • Documento d'identità;
  • Codice Fiscale;
  • Eventuali diplomi o attestati professionali (saranno necessari per l'inquadramento retributivo).

Se invece trattasi di lavoratore extra-comunitario, oltre ai predetti documenti sarà necessario allegare alla documentazione anche il permesso di soggiorno per motivi di lavoro rilasciato dalla Questura. Se il lavoratore già risiede in Italia, il datore di lavoro dovrà compilare il Modello Q e inviarlo tramite raccomandata A.R. allo Sportello Unico per l'Immigrazione della Prefettura competente allegando copia del documento d'identità, e facendo attenzione ad indicare sulla cartolina di ritorno anche il nome del lavoratore. Se invece il lavoratore non si trova in Italia, il datore di lavoro dovrà attendere la pubblicazione del Decreto Flussi che avviene annualmente (più o meno a fine novembre).

Inoltre, il datore di lavoro che volesse assumere un lavoratore extra-comunitario, dovrà assicurare di:

  • garantire un orario di lavoro di almeno 20 ore a settimana;
  • possedere un reddito netto almeno il doppio di quanto si prevede di retribuire il lavoratore, compreso i contributi previdenziali da corrispondere. (es. se si prevede un orario di 20 ore settimanali e una retribuzione di 5,00 euro/ora, la retribuzione lorda annuale sarà di € 5.200,00 ai quali si devono aggiungere i contributi a carico del lavoratore, in questo caso € 1.019,20. Il datore di lavoro dovrà quindi avere un reddito netto pari almeno a € 12.438,40). NB: se il datore di lavoro assume un lavoratore straniero in qualità di assistente familiare, perché affetto lui stesso da patologie o gravi handicap che ne limitano l’autosufficienza, non ha l’obbligo dell’autocertificazione relativa alla sua capacità economica;
  • impegnarsi alle spese di viaggio per il rientro del lavoratore nel paese di provenienza;
  • impegnarsi a comunicare qualsiasi variazione del rapporto di lavoro;
  • assicurare la disponibilità di un alloggio adeguato e al momento della convocazione presso lo Sportello Unico per la consegna del nulla osta, esibire la ricevuta dell’avvenuta richiesta del certificato di idoneità alloggiativa (rilasciato dal Comune o dall’ASL di competenza); il certificato va richiesto anche nel caso in cui il lavoratore alloggerà presso l'assistito per svolgere le mansioni di assistente alla persona.

(per maggiori info e per scaricare i modelli: Ministero dell'Interno)

Una volta che si ha a disposizione tutta la documentazione, si può procedere all'assunzione sottoscrivendo un contratto tipo (clicca "Contratto tipo assunzione a ore", "Contratto tipo assunzione convivente") seguendo quanto indicato nel CCNL riguardo orari di lavoro, riposi settimanali, ferie e altri diritti delle parti. In particolare la retribuzione in vigore dal 1 Gennaio 2011 è la seguente:

Tabella minimi retributivi

Livelli

Tabella A

Tabella B

Tabella C

Lavoratori conviventi

Lavoratori di cui
art. 15 2° c.

Lavoratori non conviventi

Valori mensili

Indennità

Valori mensili

Valori orari

Liv. unico

A

580,50

4,22

AS

686,05

4,97

B

738,82

527,73

5,28

BS

791,59

554,11

5,60

C

844,37

612,16

5,91

CS

897,14

6,21

D

1.055,46

156,07

7,18

DS

1.108,23

156,07

7,49


Livelli

Tabella D

Tabella E

Tabella F

Assistenza notturna

Presenza notturna

Indennità (valori giornalieri)

Totale indennità vitto e alloggio

Valori Mensili

Valori Mensili

pranzo e/o colazione

cena

alloggio

Autosufficienti

Non autosufficienti

Liv. unico

609,54

A

AS

B

BS

910,33

1,75

1,75

1,52

5,02

C

CS

1.031,71


D



DS

1.274,47


Almeno 24 ore prima dell'inizio del rapporto si dovrà dare comunicazione dell'assunzione al Centro per l'Impiego competente.

A partire dal 29 gennaio 2009 la comunicazione di assunzione deve essere presentata all’Inps entro le ore 24 del giorno precedente (anche se festivo) a quello di instaurazione del rapporto di lavoro. La comunicazione ha efficacia anche nei confronti dei Servizi competenti, del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (Inail), nonché della Prefettura-ufficio territoriale del Governo.

La comunicazione all'Inps è obbligatoria:

  • qualunque sia la durata del lavoro;
  • anche se il lavoro è saltuario o discontinuo;
  • anche se già assicurate presso un altro datore di lavoro;
  • anche se già assicurate per un'altra attività;
  • anche se di nazionalità straniera;
  • anche se titolari di pensione.
L’obbligo di comunicazione esiste anche in fase di proroga, trasformazione (da tempo determinato a tempo indeterminato oppure in caso di svolgimento dell’attività in una abitazione del datore di lavoro diversa da quella comunicata precedentemente) e cessazione del rapporto di lavoro. In questo caso la comunicazione dovrà essere effettuata entro cinque giorni dall’evento.

A partire dal 1° aprile 2011 la presentazione delle comunicazioni obbligatorie di assunzione, trasformazione, proroga e cessazione per lavoro domestico dovrà avvenire attraverso uno dei seguenti canali:
  • WEB - servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto;

  • Contact Center Multicanale - numero verde 803164;

  • Intermediari dell'Istituto – attraverso i servizi telematici offerti agli stessi.

Pertanto i moduli cartacei SC38 COLD ASS, e SC39 COLD VAR potranno essere presentati direttamente o inviati per posta solo fino al 31 marzo 2011 (a tal fine fa fede il timbro a data dell'ufficio postale accettante o del servizio corriere utilizzato).



Trovaci su LinkedIn
Trovaci su Facebook
Seguici

I cookies vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information