Nuove retribuzioni e contributi colf dal 2009

Stampa

La Commissione Nazionale prevista dall'art. 43 c.c.n.l. lavoro domestico ha aggiornato, con decorrenza 1° gennaio 2009, le tabelle A, B, C, D, E ed i valori convenzionali di vitto e alloggio. L'Inps invece ha diffuso i nuovi contributi per i lavoratori domestici in vigore dal 1° gennaio 2009.

Riportiamo di seguito i nuovi importi applicabili:

Livelli

Tabella A

Lavoratori conviventi

Valori mensili

Indennità

A

569,52

-

AS

673,07

-

B

724,85

-

BS

776,62

-

C

828,40

-

CS

880,17

-

D

1.035,50

153,12

DS

1.087,27

153,12


Livelli

Tabella B

Lavoratori di cui art. 15 2° comma

Valori mensili

B

517,75

BS

543,64

C

600,59


Livelli

Tabella C

Lavoratori non conviventi

Valori orari

A

4,14

AS

4,87

B

5,18

BS

5,49

C

5,80

CS

6,10

D

7,04

DS

7,35


Livelli

Tabella D

Assistenza notturna

Valori mensili

Autosufficienti

Non Autosufficienti

BS

893,12

-

CS

-

1.012,20

DS

-

1.250,37


Livelli

Tabella E

Presenza notturna

Valori mensili

Liv. unico

598,01


Livelli

Tabella F

Indennità
(valori giornalieri)

Totale indennità vitto e alloggio

Pranzo e/o colazione

Cena

Alloggio

BS

1,709

1,709

1,478

4,896

 


Passiamo ai contributi previdenziali. Gli importi da pagare per ogni ora di lavoro, per rapporti di lavoro fino a 24 ore settimanali, sono:
- per retribuzioni orarie fino a 7,17 euro: 1,33 euro (di cui 0,32 euro a carico del lavoratore);
- per retribuzioni orarie oltre 7,17 euro e fino a 8,75 euro: 1,50 euro (0,36 euro a carico del lavoratore);
- per retribuzioni orarie oltre 8,75 euro: 1,83 euro (0,44 euro a carico del lavoratore).
In caso di rapporti di lavoro di almeno 25 ore settimanali presso lo stesso datore di lavoro l'importo orario del contributo dovuto è di 0,97 euro (di cui 0,23 euro a carico del lavoratore).
Quando il lavoratore è coniuge del datore di lavoro oppure è parente o affine entro il terzo grado e convive con il datore di lavoro, il contributo è dovuto senza la quota degli assegni familiari, e pertanto gli importi da pagare per ogni ora di lavoro sono:
- per retribuzioni orarie fino a 7,17 euro: 1,33 euro (di cui 0,32 euro a carico del lavoratore);
- per retribuzioni orarie oltre 7,17 euro e fino a 8,75 euro: 1,50 euro (0,36 euro a carico del lavoratore);
- per retribuzioni orarie oltre 8,75 euro: 1,83 euro (0,44 euro a carico del lavoratore).
In caso di rapporti di lavoro di almeno 25 ore settimanali presso lo stesso datore di lavoro l'importo orario del contributo dovuto è di 0,96 euro (di cui 0,23 euro a carico del lavoratore).

Altri Articoli :
Trovaci su LinkedIn
Trovaci su Facebook
Seguici

I cookies vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information