Studio Zanin - ContabilitĂ  online - Consulenza del Lavoro online - Rieti

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • 1
  • 2
Servizi contabilitĂ  online e paghe online

ContabilitĂ 

Modello Unico 2009

E-mail Stampa PDF

La grande novità nel nome della semplificazione arriva quest'anno con il Modello Unico Mini: 4 facciate e istruzioni ridotte da 100 a 24 pagine. Numeri mini per Unico mini, versione “pocket” e “user friendly” del modello Unico persone fisiche studiata dalle Entrate per i circa 4 milioni di contribuenti italiani con i redditi più comuni.

Breve e facile da riempire, il nuovo modello si presenta all’appello con la prossima stagione delle dichiarazioni con righi ridotti nel numero ma ampliati nelle dimensioni per rendere più agevole la compilazione. I dati anagrafici, ad esempio, che nel modello Unico ordinario richiedono una pagina intera, sono condensati in un solo rigo, dove il contribuente si limiterà a indicare nome, cognome, codice fiscale e domicilio fiscale.
Una tappa ulteriore, dunque, nel percorso di semplificazione degli adempimenti portato avanti dall’Amministrazione finanziaria anche attraverso modelli di dichiarazione più chiari e “leggeri”.
Unico mini, platea maxi
Sulla base dei dati di Unico persone fisiche 2008, saranno in 4 milioni a poter optare per Unico mini 2009, di cui 3 milioni di lavoratori dipendenti e un milione di titolari di altri redditi (ad esempio di terreni e fabbricati).
Il nuovo modello potrĂ  essere utilizzato dai contribuenti residenti in Italia che hanno percepito uno o piĂą tipi di redditi tra: redditi di terreni e di fabbricati, di lavoro dipendente o assimilati, di pensione, derivanti da attivitĂ  commerciali e di lavoro autonomo non esercitate abitualmente e che intendono fruire delle detrazioni e deduzioni per gli oneri sostenuti e delle detrazioni per carichi di famiglia e lavoro.
Essendo dedicato ai contribuenti che presentano le situazioni più comuni e più semplici, è invece off limits per i titolari di partita Iva, per chi deve presentare la dichiarazione per conto di altri (ad esempio eredi o tutori) e per coloro che devono presentare una dichiarazione correttiva nei termini o integrativa.
Unico mini, vantaggi maxi
Tutte le agevolazioni introdotte per il 2008 trovano naturalmente spazio in Unico mini. In particolare, il nuovo modello accoglie - con un’apposita colonna in cui indicare il reddito complessivo dei singoli familiari - il bonus straordinario per le famiglie e la tassazione con imposta sostitutiva del 10% da applicare alle prestazioni di lavoro straordinario e assimilate, nel caso in cui la scelta venga effettuata in sede di dichiarazione. Sostanzialmente invariati nella struttura i quadri RA e RB (redditi dei terreni e dei fabbricati), dai quali vengono però tenuti fuori i casi più particolari: mancata coltivazione del terreno, immobili inagibili, canoni di affitto in regime vincolistico o non percepiti per morosità. Semplificati anche i quadri RC (redditi di lavoro dipendente e assimilati), che si presenta senza la tradizionale suddivisione in sezioni, e RP (oneri e spese), che include tutte le spese detraibili - comprese quelle sostenute per lavori di ristrutturazione - ad eccezione degli oneri che comportano particolari complessità nei calcoli.
Ridotti, infine, i righi del quadro RN (determinazione dell’Irpef), che tiene fuori crediti d’imposta e una serie di informazioni non necessarie perché relative a dati non presenti nei quadri precedenti. Chiude il nuovo modello il riquadro destinato alla richiesta del bonus straordinario per le famiglie a basso reddito e quelli relativi alla firma della dichiarazione, all’impegno alla presentazione telematica e alla destinazione dell’otto e del cinque per mille. 

 

Unico Persone Fisiche
E' pronto anche il modello Unico Persone Fisiche tradizionale e anche qui abbiamo diverse novitĂ : tra queste, nel Fascicolo 1, un posto di rilievo spetta al bonus straordinario previsto a sostegno delle famiglie a basso reddito, a favore dei cittadini residenti in Italia che nel 2008 hanno conseguito principalmente redditi di lavoro dipendente e di pensione.
Tra le altre novità la più rilevante riguarda l’esclusione dell’Irap dalla dichiarazione unificata. Da quest’anno, infatti, il modello Irap dovrà essere presentato in forma indipendente direttamente alla Regione o alla Provincia autonoma dove si trova il domicilio fiscale del contribuente. Spazio nel modello anche all’imposta sostitutiva pari al 10 per cento, imposta questa che si applica sulle somme erogate per prestazioni di lavoro straordinario ai dipendenti del settore privato.

Queste le novitĂ  sul versante delle detrazioni:
• riguardo i mutui, tema caldo, è stato innalzato a 4 mila euro il limite di detraibilità per gli interessi passivi;
• sono state introdotte alcune detrazioni del 19% riconosciute per le spese di formazione e autoaggiornamento dei docenti, per gli studenti niversitari fuori sede anche nel caso di spese sostenute per canoni relativi a contratti di ospitalità, per il riscatto della laurea dei familiari fiscalmente a carico e per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico;
• sono, inoltre, confermate le detrazioni fiscali del 55% delle spese per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio e del 36% per le spese di ristrutturazione;
• per i frigoriferi e i congelatori è prevista una detrazione del 20% in caso di sostituzione, che si applica anche all’acquisto di motori ad elevata efficienza e di variatori di velocità;
• infine, la finanziaria 2009 ha riproposto la detrazione del 19% per le spese sostenute dai genitori per il pagamento delle rette degli asili nido.

Ulteriori novità per imprese e “contribuenti minimi”:
• tra le modifiche più rilevanti del Fascicolo 2, nel quadro RT è prevista la gestione delle plusvalenze esenti a seguito della riforma della manovra d’estate;
• nello stesso riquadro è stata, inoltre, inserita la sezione per la rivalutazione delle partecipazioni e la sezione per la gestione della plusvalenza da assoggettare a imposta sostitutiva del 20 per cento derivante dalla cessione di quote di partecipazione in fondi immobiliari a ristretta base partecipativa o familiari;
• per quanto riguarda le novità del Fascicolo 3, debutta il quadro CM dedicato a chi, nel 2008, si è avvalso del regime dei "contribuenti minimi" previsto dalla legge finanziaria 2008;
• all’interno dei quadri RF e RG, sono stati recepiti, infine, i provvedimenti legislativi che hanno interessato la disciplina del reddito d’impresa, con particolare riguardo alle norme che hanno introdotto la deducibilità delle spese di rappresentanza nel periodo d’imposta di sostenimento se rispondenti ai requisiti di inerenza e congruità stabiliti con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 19 novembre 2008, anche in funzione della natura e della destinazione delle stesse, del volume dei ricavi dell’attività caratteristica dell’impresa e dell’attività internazionale dell’impresa. Sono comunque deducibili le spese relative a
beni distribuiti gratuitamente di valore unitario non superiore a euro 50.

Allegati:
 Istruzioni[Istruzioni Unico Mini 2009]288 Kb
 Modello[Modello Unico Mini 2009]61 Kb

Trovaci su LinkedIn
Trovaci su Facebook
Seguici

I cookies vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono giĂ  stati impostati To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information