Studio Zanin - Contabilità online - Consulenza del Lavoro online - Rieti

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • 1
  • 2
Servizi contabilità online e paghe online

Contabilità

Il punto sul nuovo regime dei contribuenti minimi 2012

E-mail Stampa PDF

Proviamo a fare chiarezza su alcuni aspetti del nuovo Regime dei contribuenti minimi che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2012, riportando gli orientamenti e le interpretazioni più autorevoli sul tema, in attesa dei provvedimenti attuativi o dei chiarimenti ufficiali dell'Agenzia delle Entrate, previsti dalla stessa norma, che a meno di un mese dall'entrata in vigore non sono arrivati, e della definizione dei benefici fiscali per la trasparenza previsti per i professionisti dal Decreto salva Italia.

Sono molti gli aspetti controversi oggetto del dibattito di questi mesi: l'accesso o la permanenza nel nuovo regime fiscale per gli over 35, l'entità della ritenuta d'acconto da applicare sulle fatture, e la prosecuzione sotto il regime dei minimi di un'attività svolta in precedenza.

 


Requisiti di accesso

Riassumiamo i requisiti principali per accedere al nuovo regime, evidenziando alcune particolarità:

  • non si devono superare i 30.000 euro di ricavi all'anno;
  • non è consentito avere dipendenti, collaboratori o lavoratori a progetto;
  • non si possono superare i 15.000 euro per acquisti, locazione o leasing di beni strumentali;
  • non si deve aver esercitato, nei tre anni precedenti, alcuna attività d'impresa, artistica e professionale, neppure in forma associata o familiare; coloro che hanno avuto una partita IVA non utilizzata per i tre anni precedenti possono invece accedere alle agevolazioni;
  • l'attività non deve rappresentare la prosecuzione di un'altra svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo. L'esclusione avviene però solo quando l'attività utilizza gli stessi beni, si svolge nello stesso luogo e nei confronti degli stessi clienti;
  • può usufruirne chiunque abbia avviato la propria attività dal 1 gennaio 2008, anche chi non dovesse aver inizialmente aderito al regime dei minimi. La legge stabilisce solo un limite temporale, che prescinde dal regime contabile adottato in precedenza.

Non cambia la fattura. Ritenuta al 20%, se dovuta, e niente IVA.

In materia di IVA e di ritenuta d'acconto il nuovo regime dei minimi conserva oneri e vantaggi del precedente. Pertanto la fattura dovrebbe essere identica a quella dei vecchi minimi: verrà riportato il 20% di ritenuta d'acconto (se l'intestatario della fattura è un sostituto d'imposta), e non sarà presente l'addebito dell'IVA.

L'eventuale eccedenza fra l'anticipo di imposta (20%) e l'imposta sostitutiva dovuta (5%), potrà essere utilizzata in compensazione di contributi INPS o, più facilmente, sarà oggetto di richiesta di rimborso.

Il limite dei 5 anni riguarda solo gli over 35

Fermi restando i requisiti di base, possono accedere al nuovo regime dei minimi anche coloro che hanno più di 35 anni, usufruendone al massimo per 5 anni. Chi invece allo scadere del 5° anno non ha compiuto 35 anni, potrà usufruire dell'agevolazione fino al raggiungimento del 35esimo anno di età.

Il limite dei 5 anni decorre dall'inizio dell'attività

In caso di passaggio dal Regime agevolato per le nuove iniziative, o da un altro regime contabile, a quello dei nuovi minimi, la durata massima di 5 anni dovrebbe decorrere dal momento dell'inizio dell'attività, e non dal momento del passaggio al nuovo regime dei minimi.

Il regime degli ex-minimi

Per coloro che si trovano oggi nel regime dei minimi e che dal 1° gennaio 2012 non avranno le condizioni richieste per l'accesso al nuovo, rientreranno in un regime alternativo, detto "degli ex-minimi".

Perderanno il beneficio dell'imposta sostitutiva al 20%, avranno l'obbligo di addebito dell'IVA in fattura e dovranno risultare congrui agli studi di settore.

Mantengono invece l'esenzione IRAP ed è previsto il pagamento dell'IVA solo una volta l'anno (niente liquidazioni trimestrali).

Il regime premiale privilegiato della trasparenza (dal 2013)

Non soltanto per i professionisti minimi, o ex-minimi, il nuovo regime premiale introdotto dal Decreto salva-Italia, promette semplificazioni e quindi possibilità di risparmio per chi adotta misure di trasparenza. Si potrà fare a meno del commercialista almeno per la gestione delle contabilità meno complicate? Sembrerebbe di sì.

Dal 1° gennaio 2013 (non 2012) saranno riconosciuti benefici fiscali, semplificazione degli adempimenti amministrativi, oltre ad agevolazioni sugli accertamenti, a patto che si provveda all'invio telematico dei corrispettivi, delle fatture emesse e ricevute e delle risultanze degli acquisti non soggetti a fattura, e che istituiscano un conto corrente dedicato ai movimenti finanziari dell'attività esercitata.

 

E' prevista inoltre l'accelerazione dei rimborsi e delle compensazioni IVA.

Il provvedimento attuativo di questa riforma è atteso entro i primi di giugno 2012.

Trovaci su LinkedIn
Trovaci su Facebook
Seguici

I cookies vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information